frase_pd

In evidenza


CONTATTI
Repubblica - Conflitto di interesse Stampa E-mail
marted́ 08 maggio 2007
ROMA - Primo passo avanti della proposta di legge sul conflitto di interessi.

La commissione Affari Costituzionali della Camera ha infatti dato il via libera al testo. Che approderà in Aula lunedì prossimo. Compatto il sì del centrosinistra e altrettanto compatto il no del centrodestra.
La maggioranza ha votato senza dissensi, anche grazie allo stralcio di tutti gli emendamenti relativi all´ineleggibilità. La Cdl, al contrario, boccia in toto il provvedimento definendolo «una legge ad personam» contro Berlusconi e si appresta a presentare una propria autonoma proposta di legge. «È stato un confronto civile, anche se duro», ha ammesso alla fine il presidente della commissione, il diessino Luciano Violante. Che però ha respinto l´accusa di «killeraggio» lanciata da Silvio Berlusconi: «Mi sembra una cosa esagerata». Ieri sera è stato approvato anche l´articolo sul cosiddetto «sostegno privilegiato» in campagna elettorale ad un candidato da parte di media di sua proprietà. E la norma che estende il conflitto di interesse non solo ai membri del governo, ma anche a presidenti di regione e provincia, sindaci di comuni sopra i 15 mila abitanti e assessori regionali, provinciali e comunali. Quanto agli emendamenti sulla ineleggibilità presentati da Verdi, Pdci e Italia dei Valori, è stato proprio Violante a chiederne il ritiro. Verranno inseriti in una proposta di legge ad hoc

 Per approfondire Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati:

 

[PDF]

 

 

 
Categorie: 
{tag conflitto interessi}
{commissione affari costituzionali} 

 

 

 
< Prec.   Pros. >