CAMERA DEI DEPUTATI - UGUAGLIANZA Stampa E-mail
martedì 29 marzo 2011
Unità d’Italia e Uguaglianza   
Se dovessimo sintetizzare in una sola espressione verbale le condizioni attuali del principio di eguaglianza potremmo dire, parafrasando Don Milani, che “l’eguaglianza non è più una virtù”. Nel dibattito pubblico  la disuguaglianza non è più concepita come un difetto, ma come una tollerabile imposta che bisogna pagare ai diversi aspetti della modernità. E’ di conseguenza frequente negli ambienti politici, economici e civili l’apologia delle diseguaglianze, fondata o sulla difesa della competitività nazionale o sulla presentazione del merito come obbiettivo sino a ieri ingiustamente sacrificato sull’altare dell’uguaglianza.
La situazione è preoccupante non solo perchè il declino dell’eguaglianza comporta inevitabilmente il prevalere del principio di discriminazione, si tratta di due piatti della stessa bilancia,  ma anche perchè il concetto di eguaglianza è strettamente connesso a quello di libertà e di democrazia.

 

L'intervento di Luciano Violante è allegato

 
Pros. >